fbpx

Day 10 – Verso l’America

Day 10 – Verso l’America

9 ottobre 23:44

Fare nulla è la cosa più stancante che si possa fare qui. Il caldo uccide e meno si fa meno si farebbe.

Oggi sveglia tardi, pranzo con Laura e partenza alle 17:30 per Dakar. Di fatto nulla, ma il mio fisico richiede riposo come dopo una maratona nel deserto.

Un bel pezzo di strada è a una corsia e troviamo una quantità di traffico indescrivibile.

Molti tornano a Dakar la domenica sera per lavorare il lunedì, un po’ come i fuori sede che lavorano a Milano.

Fino al mese scorso la mia vita era proprio così: lavoravo a Milano durante la settimana e tornavo dai miei a Ferrara un weekend ogni tanto. E il ritorno a Milano la domenica sera è un vero e proprio esodo.

Pensa te se dovevo ritrovarmi nella stessa condizione in Africa.

L’esperienza per Filippo finisce oggi e il suo aereo di ritorno è alle 2 di notte, per questo ci stiamo dirigendo a Dakar.

E per sfruttare il viaggio abbiamo pensato di partire prima per approfittarne e visitare la città.

Peccato che la partenza non troppo intelligente ci abbia fatto arrivare col buio, quindi di Dakar si è visto poco e niente, e quel poco che si è visto era davvero orrendo.

Tutto vecchio e fatiscente. Uguale al resto dei villaggi, solo più grande, più sporca e più trafficata.

Verso Dakar

Verso Dakar

Unico dettaglio degno di nota, che poi di dettaglio non si può parlare vista l’enormità delle sue dimensioni, è una mastodontica statua posta sulla costa a simboleggiare il rinascimento africano relativamente alla deportazione degli schiavi in America.

Questo enorme mostro di bronzo alto 49 metri è composto da un uomo che tiene nel braccio sinistro un bambino il quale indica il mare (l’America) e a destra abbraccia una donna.

Il tutto è costato allo stato dai 15 ai 23 milioni di euro (9-15 miliardi di cfa), pagati in natura con 30-40 ettari di terreno a un uomo d’affari senegalese.

Brutta storia conoscendo le condizioni della maggior parte degli abitanti del Senegal.

Monumento Dakar

Monumento al Rinascimento Africano – Dakar

Vedere per credere

Lista delle cose che “se non vedi non ci credi“:

  • Lungo la strada che collega Kelle a Dakar si possono comprare i più disparati prodotti. Dalla frutta ai divani, dalle baguette alle impalcature in legno dei letti. Letteralmente sul ciglio della strada!
  • Strada a due corsie a scorrimento veloce, di cui veloce c’è ben poco dato che a causa del traffico intenso era tutto bloccato, in cui passano decine e decine di venditori ambulanti, proponendo di tutto e di più, principalmente cibo.
  • Autobus che portano a Dakar per 200/300 cfa (meno di 50cent) che però trasportano minimo il doppio delle persone che normalmente potrebbero entrarci: persone sedute, in piedi, sul tettuccio del bus e sul retro appesi alle portiere aperte. Una scena impossibile da credere a meno che constatata coi propri occhi.
  • Casco sul motorino totalmente opzionale, per non parlare del numero dei passeggeri. Abbiamo infatti sorpassato un cinquantino che a fatica arrancava in salita sotto il peso di padre, madre e due bambini.
  • Continue e frequenti ventate di odori che nemmeno un cadavere potrebbe emanare.
Strada per Dakar

Strada per Dakar

 

Iscriviti alla Newsletter
per ricevere il Day 11 non appena sarà pubblicato

Lascia il tuo commento