fbpx

Giordania on the road: itinerario 4 giorni

Giordania on the road

96 ore in Giordania (on the road)

Dato che ti piace la sintesi
Giordania 30 settembre 4 ottobre
Dimmi se potresti esserci e se ti becca
C’è il volo che costa 106€ diretto

E’ così, con un WhatsApp dal nulla, che iniziò la programmazione di uno dei viaggi più belli della mia vita: Giordania on the road.

Iniziato un po’ per caso, ma poi studiato nei minimi dettagli, si è rivelato un viaggio strepitoso!

Chi mandò il messaggio è una mia cara amica, consapevole della mia inclinazione a dire sempre di sì a un viaggio!

WhatsApp proposta di viaggio in Giordania

Il giorno dopo i voli erano stati acquistati e una settimana più tardi avevamo già stabilito l’itinerario e bloccato gli alloggi su Booking: ora la Giordania sembrava davvero vicina!

Come è andata?

In 96 h (4 giorni tondi) abbiamo visto tutto ciò che ci eravamo prefissate di vedere, sfruttando al massimo ogni giornata e innamorandoci di questo paese!

Cultura, storia, adrenalina, sport, relax… la Giordania offre davvero tantissime esperienze, avvolte da costanti sfumature di rosso e un popolo estremamente gentile.

Quindi, ecco il miglior itinerario per 4 giorni in Giordania al top!

Giordania - cammelli all'alba nel Wadi Rum

Alba nel deserto del Wadi Rum

Itinerario Giordania 4 giorni

NB: i prezzi degli alloggi che ho indicato sono intesi per 3 persone a inizio ottobre. Affidati alle indicazioni di Booking o degli hotel stessi per le tariffe aggiornate.


Arrivo in Giordania

  • Volo Ryanar Bologna – Amman International Airport 15:35 – 20:35
  • 🚘 Trasporto gratuito dall’aeroporto organizzato dal proprietario dell’appartamento = 5min
  • 🛌 Al Qastal – Faraseen Apartments 1 (77€)

La prima cosa che ti attenderà in Giordania, dopo l’atterraggio, è il controllo del visto o, per chi ne è sprovvisto, la possibilità di acquistarlo sul momento.

La fila è la stessa per tutti, ma se hai già acquistato il Jordan Pass, oltre che essere più conveniente, ci metterai molto meno.

Visto l’orario di arrivo (e la non-rinomata puntualità degli aerei😂), per la prima sera non abbiamo programmato nulla.

Per questo abbiamo scelto di alloggiare nei pressi dell’aeroporto piuttosto che dentro la città (situata a 40 minuti d’auto dall’Aeroporto Queen Alia).

Abbiamo così risparmiato il viaggio ad Amman sia in termini di tempo che di spesa, dato che il giorno dopo ci saremmo comunque dirette verso sud, e rimandato il noleggio dell’auto al mattino seguente.

Mappa Giordania

Ripassando i dettagli del viaggio in aereo

Se anche tu sceglierai di stare al Faraseen Apartment 1, ecco alcune info utili.

E’ un’appartamento molto spazioso, pulito e con bottigliette d’acqua a disposizione gratuita e Wi-Fi funzionante.

L’unica pecca è che, non essendo dentro alla città, non ci sono ristoranti in zona, quindi consiglio di mangiare qualcosa e fare incetta di snack in aeroporto, prima che lo staff dell’appartamento venga a prenderti (vi accorderete su WhatsApp usando il wifi dell’aeroporto).

Torna su


Il magico deserto del Wadi Rum

  • 🚘 Amman – Wadi Rum = 4h30 (due soste brevi per comprare acqua e snack lungo la strada)
  • 🛌 Wadi Rum – Salman Zwaidh Camp (45€ con colazione)
  • 📌 Jeep tour, sandboard e tramonto nel deserto, cena tipica in accampamento, notte stellata, giro in cammello all’alba

Per raggiungere il deserto del Wadi Rum – o Valle della Luna – ci sono due opzioni:

1. King’s Highway (la strada dei Re) – strada panoramica ma con un tempo di percorrenza superiore alle 8 ore.

2. Desert Highway (l’autostrada del deserto) – con molti camion nei giorni feriali e molti lavori in corso, ma il tempo di guida per raggiungere il Wadi Rum dimezza, perciò abbiamo scelto quella.

(Avremmo comunque avuto modo di usare la King’s Highway nei giorni seguenti).

Giunte al Wadi Rum Visitor Centre, siamo state prelevate con la jeep da un beduino dell’accampamento, iniziando la nostra fantastica esperienza nel deserto con un emozionante drift tra la sabbia.

L’accampamento Salman Zwaidh Camp si è rivelata una scelta azzeccatissima.

Era infatti isolato rispetto agli altri in una location suggestiva al lato della montagna, oltre al fatto che Salman e gli altri beduini sono stati semplicemente fantastici.

Giordania - Wadi Rum

A spasso nel Wadi Rum

Per maggiori dettagli sulle attività (ed emozioni) nel deserto del Wadi Rum leggi l’articolo!

Un consiglio a bruciapelo? Togli le scarpe e rotolati nella sabbia… ne avrai fin dentro le orecchie per il resto del viaggio, ma ne sarà valsa la pena.

Torna su


Petra, la città perduta dei Nabatei

  • 🚘 Wadi Rum – Petra (Wadi Musa) = 2h30 (due soste fotografiche lungo il tragitto)
  • 🛌 Wadi Musa – Valentine Inn Luxury  (115€ con colazione)
  • 📌 Visita di Petra, Petra by Night

Dopo un giro in cammello all’alba e una sostanziosa colazione, abbiamo salutato i nostri amici beduini e siamo ripartite alla volta di Petra, riprendendo la Desert Highway fino all’incrocio “Ar-Rajif Intersection“, per poi imboccare la King’s Highway.

Giunte circa a mezzogiorno, abbiamo passato poi il resto della giornata dentro al sito archeologico di Petra, una delle 7 meraviglie del mondo, terminando col suggestivo spettacolo di Petra by Night.

Il Tesoro di Petra

Davanti alla facciata del Tesoro di Petra

Per maggiori informazioni su Petra, Petra by Night e come organizzare la visita, trovi qui ogni dettaglio!

Il villaggio dal quale si accede a Petra si chiama Wadi Musa, dove abbiamo alloggiato al Valentine Inn Luxury: staff gentile, stanza pulita e, soprattutto, letto comodissimo.. l’ideale dopo una giornata di 40.496 passi! 😅

Torna su


Canyoning nel Wadi Mujib e Mar Morto

  • 🚘 Petra – Wadi Mujib Visitor Centre = 3h (con una sosta fotografica)
  • 🚘 Wadi Mujib – resort sul Mar Morto = 30min
  • 🛌 Mar Morto – Ramada Resort Dead Sea (121€ compreso l’accesso al mare)
  • 📌 Canyoning, bagno e fanghi nel Mar Morto

Tra Petra e il Mar Morto abbiamo aggiunto una tappa di cui non avevamo sentito parlare granché, ma che si è rivelata essere uno degli highlights del viaggio.

Wadi Mujib

Sto parlando del Wadi Mujib, un canyon naturale percorso dal fiume Mujib, uno dei pochi immissari del Mar Morto.

Il fiume si può risalire facendo canyoning fino a una grande cascata, aiutandosi con corde situate lungo il percorso per superare piccole cascate, dislivelli e soprattutto per vincere la corrente.

Adrenalina pura!

Non è richiesta una particolare attitudine allo sport, ma se ce l’hai sarai ovviamente agevolato!

Canyoning nel Wadi Mujib - Giordania

Canyoning nel Wadi Mujib

I percorsi disponibili per fare l’escursione all’interno del Canyon sarebbero 3, ma per motivi di sicurezza per la stagione 2019 ne è stato aperto solo uno: il “Siq Trail“.

Non essendo però la chiusura segnalata sul sito web, consiglio di mandare una mail preventiva al centro visitatori per sapere quali percorsi saranno aperti durante il tuo viaggio.

.

Mar Morto

Dopo 3 ore passate a risalire e scendere il torrente – e divertirci come matte – ci siamo dirette al nostro resort sul Mar Morto, a meno di mezz’ora di auto.

Check-in veloce e subito dritte alla spiaggia, per goderci un’altro tramonto mozzafiato.

Lo ammetto, la parola “resort” non mi è mai piaciuta, non fa proprio per me, soprattutto per il budget con cui solitamente viaggio.

Ma alla fine dei conti risulta comunque il modo più economico di accedere al Mar Morto.

Per maggiori informazioni sul perché conviene un resort e quali sono gli accorgimenti necessari per entrare nel Mar Morto, dai un’occhiata qui!

Galleggiando nel Mar Morto

Tramonto sul Mar Morto

Torna su


Sito Battesimale di Gesù, Amman e Madaba

  • 🚘 Resort Mar Morto – Sito battesimale di Gesù =  30min
  • 🚘 Sito battesimale di Gesù – Amman = 1h
  • 🚘 Amman – Madaba = 45min
  • 🚘 Madaba – Faraseen Apartments 1 (per il deposito dell’auto) = 30min
  • 🚘 Faraseen Apartments 1 – Aeroporto (trasporto gratuito organizzato dal proprietario come al nostro arrivo) = 5min
  • Amman – Bologna 20:50 – 23:40
  • 📌 Visita guidata al fiume Giordano, Cittadella di Amman, Mosaici di Madaba

L’ultimo giorno del nostro viaggio è stato stato inaugurato con la visita al sito battesimale di Gesù.

Al costo di 12 JD abbiamo preso parte a una visita guidata (non è possibile in autonomia) che ci ha portato al punto esatto dove, secondo la religione cristiana, fu battezzato Gesù, e poi al fiume Giordano – che col tempo ha deviato leggermente il suo corso.

.

Il Giordano funge oggi da confine tra Giordania e Israele, a distanza di pochi metri si possono infatti vedere i pellegrini in ciò che viene considerata Terra Santa.

Da entrambi i lati c’è un piccolo pontile che permette alla gente di bagnarsi e per chi volesse immergersi totalmente sono disponibili spogliatoi.

.

Amman

In seguito ci siamo dirette ad Amman, capitale della Giordania.

Definirei l’esperienza di guida dentro la città un terno all’otto, visto che le probabilità di uscirne illeso sono uguali a quelle di distruggere la macchina o investire un pedone.

Nulla di personale, ma i giordani guidano forse persino peggio degli italiani. Frecce come se non esistessero e – al contrario – clacson come se non ci fosse un domani, totale assenza di strisce pedonali, corsie non ben definite e altissimi dossi non segnalati.

Insomma, c’è da stare bene attenti. 

Amman - Giordania

Vista dell’Anfiteatro dalla Cittadella di Amman

Se però non te la senti di affrontare tale giungla non preoccuparti: ci sono diversi garage lungo la strada di accesso al centro di Amman dove lasciare l’auto e affittare un autista per fare il tour della città.

Cosa non perdersi ad Amman?

  • La cittadella, dalla quale si può vedere dall’alto anche l’anfiteatro romano, come nella foto sopra
  • Un giro lungo la strada K. Faysal Sq, dove ci sono i principali negozi e che termina alla grande moschea
  • Il mercato di frutta e verdura, situato al lato della moschea, per provare un’autentica esperienza araba
  • La famosa scala degli ombrelli, perché Instagram chiama 😁
  • Rainbow Street, se sei alla ricerca di ristoranti

Madaba

Dopo Amman ci siamo dirette a Madaba per vedere il famoso mosaico della Terra Promessa, situato nella chiesa di San Giorgio e risalente al VI secolo.

Tolto quello però, a Madaba non c’è granché.

Consiglio la visita solo se hai ancora molto tempo a disposizione. Tornando indietro, passerei più tempo ad Amman per poi andare diretta all’aeroporto.


Per viaggiare in Giordania in totale sicurezza e comodità, ho scritto un articolo con tutte le informazioni utili, come ad esempio clima, visto, noleggio auto e altre annotazioni importanti da leggere prima di partire!

E se hai trovato interessante questo itinerario, condividi l’articolo per aiutarmi a farlo arrivare ad altri viaggiatori come te!

Ti aspetto sui social per non perdere i prossimi aggiornamenti su travel’n’party di Che viaggi ti fai?

Instagram - Che viaggi ti fai?Facebook - Che viaggi ti fai?

Lascia il tuo commento
(189 visite)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.